conosci la lingua per comprendere il golf del futro?

20 agosto 2017

Conosci la lingua per comprendere il golf del futuro? 

Penso che la comunicazione sia uno degli aspetti fondamentali quando si è scelto di fare il professionista di golf e io, cerco sempre di curarla in maniera scrupolosa. Si, proprio perché quando si affronta la spiegazione di un movimento complesso come è il movimento del golf, bisogna fare molta attenzione alle parole che si usano e ai modelli che si prendono ad esempio. Usare immagini sbagliate, può creare grandi fraintendimenti. Voglio analizzare con te, ad esempio, uno dei verbi più adoperati e a mio avviso, più fraintesi nel golf: “ruotare”. Se tale verbo non viene contestualizzato nel modo corretto, il nostro cervello userà, per fare lo swing, l’unico modello che conosce, quello che usa nella vita di tutti i giorni, cioè quando ci giriamo su noi stessi per rispondere al saluto di un amico che ci è giunto alle spalle.   

Il problema è che per fare lo swing noi non siamo dritti in piedi come quando salutiamo il nostro amico, ma il nostro busto e i nostri fianchi sono piegati verso il terreno. Sono questi angoli di inclinazione a creare, rispetto alla posizione eretta, grosse diversità nel movimento. Però, quando arriva il comando di girare, il nostro corpo cerca di eseguire la rotazione applicando solo le sensazioni del modello che conosce meglio, perciò di quando il corpo è eretto.  Purtroppo questo è l’errore, usare un termine che nella nostra mente è associato ad una azione che non è quella finalizzata ad eseguire lo swing. Scopo di una buona lezione di golf è fornire al nostro cervello dei nuovi schemi motori sui quali basarsi per eseguire uno swing efficiente.  Grazie all’utilizzo del K-Vest oggi posso comunicare in maniera corretta le sensazioni corporee supportando le mie spiegazioni con una parte pratica svolta dal giocatore stesso che, con i sensori indosso, avrà un feedback immediato del movimento giusto. Chi si allena con me usa ormai un nuovo vocabolario proprio per identificare e differenziare i movimenti validi per golf dagli altri.   Per esempio la rotazione del back swing noi la chiamiamo “abbassare la spalla sinistra” vuoi sapere perché?  

Vieni a provare una sessione di allenamento e lo capirai anche tu. Cambia il tuo modo di pensare il movimento del corpo entra nell’analisi in 3D.